SPORT

Un Napoli da applausi contro il Torino

Poche chiacchiere, subito i fatti: il Napoli domenica, non ha deluso le aspettative contro il Torino del grande ex Walter Mazzarri; qualità e quantità, una vittoria mai messa in discussione premiata dall’ottima prestazione dei suoi singoli, uno su tutti Lorenzo Insigne autore di una doppietta.

Il Napoli ritrova parte del suo passato, Walter Mazzarri sicuramente ha scritto pagine importanti nel Napoli di Aurelio De Laurentis; il tecnico toscano ha messo le basi per costruire un Napoli vincente, un Napoli che poi nel corso degli anni si è confermato una delle squadre più forti del calcio Italiano.

A Mazzarri vanno riconosciuti tanti meriti, come ad esempio aver fatto esordire Lorenzo Insigne in Serie A, in una trasferta ostica contro il Livorno. L’apice della sua carriera azzurra avviene a Roma, dove il Napoli riesce a battere in finale di Coppa Italia, la rivale storica (Juventus) un 2-0 che fa impazzire di gioia una città intera.
Invece, nella partita del Toro contro gli azzurri di Mr Ancelotti, “Walterone” è stato imbrigliato dal tecnico partenopeo, non riuscendo mai nel corso dei 90′ a trovare una valida alternativa agli schemi di gioco.

Infatti, ritornando alla partita di domenica nulla da ridire, in vista delle partite ravvicinate tra Campionato e Champions League, Ancelotti ha dato spazio a Rog al posto di Allan, ha fatto esordire dal primo minuto Luperto che ha macchiato la sua prestazione con un fallo da rigore su Berenguer e il tanto atteso Simone Verdi, che ha ben riscattato la prestazione di Genova contro la Sampdoria, siglando anche la rete del 2-0 su assist di Dries Mertens.

Inamovibile Jose Maria Callejon, una partita da 10 in pagella la sua; è praticamente presente in tutte le parti del campo. Partite come quelli di ieri, sono la prova certa di come questo calciatore sia insostituibile in questo Napoli.

A centrocampo è ritornato il capitano Marek Hamsik con una partita di ottima fattura, restando in campo per 90 minuti senza mai dimostrare un calo fisico.

Le grandi sfide si avvicinano: Parma, Juventus e Liverpool, sono il primo esame per la squadra di Carlo Ancelotti che nel breve termine sarà costretto a pesare bene il minutaggio dei suoi giocatori in vista di questi incontri che saranno determinanti per il proseguo del Campionato e della Champions League.

Il Napoli chiama Napoli, la squadra ha bisogno della vicinanza del suo pubblico, per affermarsi ancora una volta come la squadra da battere.

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close