SPORT

Napoli non dimentica: grazie ed arrivederci mister Sarri

È arrivato a Napoli con molto scetticismo, la piazza dopo la partenza di Benitez confidava nell’arrivo di un allenatore che avesse un appeal Europeo simile al tecnico spagnolo, invece De Laurentiis, amante dei colpi di scena sorprese tutti. Pochi scommettevo su Maurizio Sarri, arrivato troppo tardi nel calcio che conta.

Nella precedente stagione con l’Empoli, Sarri si era fatto già apprezzare da tutto il panorama nazionale, sorprendendo tutti per la qualità di gioco che esprimeva il suo Empoli; fu così che sorprese anche Aurelio De Laurentis, visto che in quella stagione tra gara d’andata e ritorno, il Napoli riuscì a strappare solo 1 punto al San Paolo con un rocambolesco 2-2; in quella circostanza, il destino volle che il primo goal lo segnasse proprio Simone Verdi, oggi vicinissimo a vestire la maglia azzurra.

Sarri in breve tempo ha dato vita ad una macchina quasi perfetta, “quasi” perché nonostante il bel gioco, nonostante i record di goal di Higuain, nonostante il record di punti quest’anno, il buon Maurizio non è riuscito a portare a casa nessun trofeo. Il Mister Toscano, ha dato vita ad un modello di gioco ammirato ed invidiato da tutto il mondo; grazie al suo apporto il Napoli ha vissuto 3 stagioni fantastiche ricche di emozioni e soddisfazioni.

Sbagliare è umano, e nel corso di queste 3 stagioni sulla panchina Azzurra, Sarri ha sicuramente commesso tanti errori o semplicemente ha messo in atto delle decisioni discutibili, non condivisibili, ma oggi non è il momento né l’occasione per citarle: oggi Tutta Napoli, saluta e ringrazia Maurizio Sarri, uomo di calcio vero.

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close